Bonus mobilità da 500 euro: cos’è e come richiederlo

Dopo una lunga gestazione, il Consiglio dei Ministri, ha approvato con il Decreto Legge “Rilancio” (articolo 205), del 13 maggio 2020, alcune importanti misure per incentivare la mobilità sostenibili. Fra i molti provvedimenti volti ad affrontare la seconda fase dell’emergenza è stato infatti inserito un incentivo fino a 500 euro sul’acquisto di mezzi di micro mobilità individuale, chiamato “bonus mobilità”.

Approfondiamo ora tutti gli aspetti fondamentali del “buono mobilità“.

Quanto vale il buono mobilità?

L’incentivo ammonta a un massimo di 500 euro e copre il 60% della spesa per l’acquisto di uno dei veicoli di micro mobilità personale.

Per mezzi di micro mobilità individuale si intendono:

  • le comuni biciclette;
  • le biciclette elettriche (e-bike a pedalata assistita);
  • monopattini elettrici;
  • segway;
  • monoruota;
  • hoverboard.

Il buono vale anche per i costi dei servizi di condivisione (sharing) di tutti i mezzi che non siano autoveicoli. Quindi anche i servizi di sharing degli scooter dovrebbero essere coperti.

Ecco tre semplici esempi per capirci:

  • Acquistando una bici elettrica che costa 400 € avrò 240 € di rimborso (semplicemente il 60%);
  • Se acquisto un monopattino elettrico da 600 € avrò 360 € di buono (sempre il 60%);
  • Infine se acquisto un segway da 1000 € avrò un buono 500 euro (non avremo 600 € in quanto è stata raggiunta la soglia massima).

Per sfruttare al massimo l’incentivo da 500 euro, dovremo acquistare un mezzo dal prezzo  che si avvicina il più possibile a 833,33 €, il cui 60% è proprio 500 euro, pagando così il rimanente di 333,33 €.

Chi può richiedere il buono mobilità?

Il bonus potrà essere richiesto da tutti i residenti maggiorenni di:

  • capoluoghi di provincia e regione;
  • città metropolitane;
  • o comuni con più di 50000 abitanti.

Quindi pare che gli appartenenti allo stesso nucleo familiare potranno richiedere più “buoni mobilità”, logicamente sempre uno a persona, che ovviamente saranno legati ai singoli acquisti e non cumulabili.

Quanto tempo c’è per richiedere il buono?

Il buono potrà essere richiesto una sola volta per persona per gli acquisti effettuati dal 4 Maggio  del 2020 (data d’inizio della Fase 2) fino al 31 Dicembre 2020.

Il governo ha stanziato un fondo da 120 milioni per quest’anno nel decreto Rilancio.

Come si può richiedere il buono?

Nel decreto il governo non ha comunicato le modalità. Qualche notizia in più in merito è stata fornita in conferenza stampa dal ministro delle infrastrutture.

Secondo quanto sostiene, verrà creato a breve un apposito portale online, su cui il cittadino potrà caricare la propria ricevuta fiscale. Quindi una volta elaborata la richiesta verrà accreditato al cittadino (probabilmente su conto corrente), direttamente il rimborso del buono mobilità che gli spetta.

Appena sarà pubblicato il portale aggiorneremo questo post con il link, continuate a seguirci per essere subito aggiornati.

Altri incentivi compatibili con il buono mobilità

Per chi risulta residente in uno dei comuni indicati nella procedura di infrazione comunitaria della normativa 2008/50/CE sulla qualità dell’aria. Si tratta di 15 zone e agglomerati localizzati nel territorio delle regioni Piemonte, Lombardia,Liguria, Toscana, Lazio, Molise, e Sicilia. Era già prevista un’altra agevolazione, che è cumulabile con il nuovo bonus.

Se si rottama entro il 31 Dicembre del 2021 un’auto omologata fino alla classe Euro 3 si ha diritto ad un buono del valore di 1500 €.

Analogamente se si rottama un motociclo entro la stessa data, fino alla classe Euro 2, oppure Euro 3 con motore a due tempi, si ha diritto ad un buono del valore di 500 €.

Il buono può essere speso entro 3 anni dall’erogazione per acquistare, anche a favore delle persone conviventi:

  • biciclette;
  • biciclette elettriche;
  • monopattini e tutti i mezzi di micro mobilità personale indicati sopra;
  • abbonamenti a servizi di condivisione di mezzi;
  • abbonamenti ai mezzi pubblici.

Questo buono è pienamente cumulabile con il “buono mobilità“. Cumulandoli si può arrivare ad avere 2000 € di incentivi.

Se vorreste acquistare una buona bici elettrica, ma la grande offerta sul mercato vi disorienta, vi invitiamo a consultare la nostra guida alle migliori biciclette elettriche.